Una serata in memoria di Tiziano Terzani a Bergamo

Una sera in memoria di Tiziano TErzani.
Riflessioni brevi e fotografie un pò sfuocate di venerdì 28 luglio 2006.

Pensavamo di essere soltanto in tre persone, il gruppetto di pacifisti
convinti che avevan deciso solo due sere fa di incontrarsi in Piazza
Vecchia a Bergamo per leggere e ricordare Tiziano Terzani, a due anni
esatti dalla sua scomparsa.
Invece eravamo in venti, seduti a gambe incrociate sul pavimento antico
e sotto il severo sguardo del Duomo e del Battistero, emozionati lettori
non professionisti delle lettere contro la guerra e del racconto
dell'ultimo giro di giostra di Terzani.
Non ci conoscevamo ma avevam letto sul sito a lui dedicato o sui
quotidiani che han pubblicato la notizia. E una comune passione ci ha
uniti vicino a una candela accesa e intorno alle sue parole.
Anche io, che non amo parlare in pubblico e che non mi ero assolutamente
preparato, ho trovato il coraggio di leggere un brano.
Erano parole di serenità e di armonia, ma anche parole stoiche.
Conoscere il male per poter apprezzare e volere il bene.
Ho letto pensando alla mia esperienza, pensando non a chi mi ascoltava
ma vivendo il momento da lui raccontato. Ho sentito l'emozione tagliarmi
la voce.
Anche a Bergamo, questa sera, Tiziano Terzani è stato presente.
Buonanotte. Ettore Lomaglio Silvestri

Scritto il 28 luglio 2006 alle 23,30

Una serata in memoria di Tiziano Terzani a Bergamoultima modifica: 2006-07-31T15:56:40+02:00da m_gandhi
Reposta per primo quest’articolo

2 pensieri su “Una serata in memoria di Tiziano Terzani a Bergamo

  1. Ho visto un intervista su rai tre a Terzani un paio di giorni fa , era un intervista di repertorio… non lo conoscevo ma devo dire che me ne sono innamorata, innamorata della sua forza interiore, del suo andare oltre le apparenze, del suo scrivere non solo notizie ma anche stati d’animo , nei suoi scritti nn c’era solo la cronaca di una guerra ma anche ciò che l’anima vedeva in quella guerra, peccato averlo conosciuto solo dopo la sua morte, un abbraccio Francesca

Lascia un commento