La mia risposta al compagno Gennaro Migliore

Caro compagno,
innanzitutto grazie per aver risposto al nostro appello e alla mia
email. Conosco e conosciamo benissimo la posizione di Rifondazione
Comunista e so che il presidente della Camera, tu e Franco Giordano
cercate di farci capire quanto sia importante quello che si è ottenuto,
dal punto di vista della necessità di restare ancora al governo.
Già, questo governo che in tante cose non ci piace molto, ma che è certo
meglio di quello di Silvio Berlusconi.
Cosa non ci piace di questo governo vien fuori sia da alcune prese di
posizione sui lavoratori, ed io mi faccio carico (come iscritto FP-CGIL
e appartenente alla Rete 28 aprile) delle proposte di Padoa Schioppa di
bloccare i rinnovi contrattuali per due anni. E vien fuori
esplicitamente in questa questione della missione in Afghanistan.
Abbiamo un presidente della Repubblica che chiama i pacifisti "piccoli
gruppi anacronistici" perché secondo lui è fuori dalla storia pensare di
non condividere le battaglie degli Stati Uniti, e che ripudia l'art.11
della Costituzione di cui lui è garante, deridendo coloro che invece
difendono la Pace, secondo il motto SI VIS PACEM PARA PACEM.
Abbiamo una destra di questo Governo, quella che ha rubato il posto alla
compagna Menapace, quella che ha un ministro degli Esteri che mandò gli
italiani in Kosovo, e un ministro della Difesa che è uscito dalla Scuola
Militare Nunziatella, che afferma che invece in AFghanistan dovremmo
aumentare la nostra presenza.
Abbiamo, noi di Rifondazione Comunista, una posizione molto particolare.
Diciamo che vogliamo ripartire dai movimenti, ma come questi movimenti
parlano (e i movimenti non fanno politica politicienne, ma politica nel
senso più alto e nobile del termine) subito siamo pronti a farli tacere.
Abbiamo otto senatori pacifisti che hanno un qualcosa che è più forte
della ragione di governo, che è la loro coscienza, e il mandato
elettorale che hanno ricevuto gli impone di non essere mai per la
guerra.
Abbiamo i movimenti, di cui mi ritrovo umilmente, insieme a chi ha
firmato quest'appello e a tanti altri, che rischiano però di dividersi e
a cui posso dire che noi dobbiamo essere la base e l'appoggio di chi ha
la forza di difendere la Pace nel regno del possibile, ossia nella
politica di Montecitorio e Palazzo Madama.
Abbiamo una persona che ha fondato anni fa un'organizzazione
meravigliosa, e che è forse una delle poche a conoscere veramente quello
che succede in AFghanistan e ad aver il diritto di dire che i militari
in Afghanistan non ci devono stare perché disturbano e confondono.
Questa persona è Gino Strada e lui non ha ritirato la sua firma dal
primo appello…
Abbiamo parecchi di noi, sopratutto quelli che hanno firmato, che non
concepiscono la teoria della riduzione del danno, in quanto si chiedono
"riduzione del danno per chi?". Certo non per gli afghani che continuano
a morire, ma sicuramente per la buona coscienza di chi è al governo e
dice "noi abbiamo fatto qualcosa".
Abbiamo tutte queste cose, compagno deputato, e certo questo che noi
cerchiamo non si ferma al ritiro delle truppe italiane, ma ha come
obiettivo la fine delle ostilità, la fine di queste assurde guerre
cominciate da George W. Bush, a cui Berlusconi ci ha costretti, e a cui
la sinistra ha l'obbligo morale di non partecipare.
La Pace non accetta la guerra, l'unica via per la Pace è la pace.
Ovviamente, e qui ti vengo incontro, chi vuole la Pace sa che non
termina tutto con la votazione di stasera. Il dovere dei pacifisti è non
cedere, perché se cediamo noi, cade tutto il castello. Sopratutto perché
se noi ci dividiamo o cominciamo a dire "che così ci va bene" il resto
del percorso sarà zoppo.
Io sento il dovere di affermare l'assoluto bisogno della Pace in Iraq,
in Afghanistan, in Libano, in Israele, in Palestina, in Africa ed
ovunque ci siano scenari di guerra e terrorismo (senza dimenticare la
Cecenia), ed il diritto dovere di criticare chi cerca compromessi.
Ma la mia critica è quella del non politico, è la critica del metodo,
della ragion pratica. So benissimo che se cade questo governo (cosa
comunque tutta da dimostrare) sarà molto più difficile proseguire questo
percorso.
E so anche benissimo che il nostro risultato si potrebbe ottenere oggi
solo se tutta la maggioranza votasse contro il decreto di
rifinanziamento, ma questo significherebbe realmente far cadere il
governo.
Come trovare una via di mezzo?
Non nelle idee, perché sulle idee non vi sono compromessi.
Ma nel metodo forse qualcosa possiamo dire.
Innanzitutto maggior rispetto, maggior ascolto. Non vogliamo sentire il
compagno Giordano che dice che caccerà dal partito chi voterà contro, e
poi venirci a chiedere sostegno.
Non sono i movimenti servi della politica, ma i movimenti sono i motori
della politica, sono la fucina delle idee, la parte più avanzata…e la
Pace è il nostro futuro, è l'unica strada affinché questo mondo
sopravviva…
C'era un americano che, in qualche modo, esprimeva idee che mi
piacevano. Era John Fitzgerald Kennedy. Lui si chiedeva "What kind of
peace we want?" Che tipo di Pace noi vogliamo…e concludeva dicendo che
"viviamo tutti sotto lo stesso cielo, respiriamo tutti la stessa aria e
siamo tutti di passaggio su questa terra". Questo lo diceva al termine
della crisi di Cuba, e dovrebbe ricordarci che se vogliamo vivere in
questo mondo il più a lungo possibile dobbiamo ricordarci che a noi non
è dato il potere di decidere della vita degli altri e quindi nemmeno di
uccidere o far guerra ad alcuno.
Caro compagno deputato, vogliamo risposte, vogliamo certezze. L'esercito
italiano deve andar via dall'Afghanistan, tutti gli eserciti devono
andar via dall'Afghanistan. A questo Rifondazione si deve impegnare in
maniera chiara, netta e precisa. Gli Stati Uniti stanno adottando una
politica internazionale di interventismo in qualsiasi situazione che
possa
pregiudicare la sua potenza e non dove veramente la pace è minacciata.
Noi non dobbiamo più essere succubi degli Stati Uniti né della NATO. Non
dobbiamo ridurre il danno, dobbiamo evitare di farne.
Dobbiamo sostenere chi opera veramente in pace e per la Pace in
Afghanistan, come Emergency, ed ascoltare la sua voce.
Grazie e un saluto fraterno anche a te
Ettore Lomaglio Silvestri
promotore dell'appello

La mia risposta al compagno Gennaro Miglioreultima modifica: 2006-07-17T17:20:50+02:00da m_gandhi
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento